IO VIAGGIO DA SOLA

recensioni di viaggio, musica, libri, stile e vizi

Take That “Progress”

Si sapeva che prima o poi avrebbe ceduto. L’operazione di marketing che mirava a riportare, anche per poco tempo, Robbie Williams tra i Take That era in atto da tanto tempo. Nonostante le litigate, nonostante le biografie, nonostante i giuramenti di non guardarsi mai più in faccia, l’odore dei soldi continua a comandare. Questa la versione cinica. E se invece Robbie e gli altri fossero solo maturati? E semplicemente volessero divertirsi insieme? Può darsi. In ogni caso, nonostante io non sia mai stata una fan dei Take That ma lo sia strenuamente di Robbie come solista, non posso negare di essermi procurata questo CD perché effettivamente travolta dal pop magnificente e stupendamente commerciale in esso contenuto. Progress è un disco davvero ben riuscito. Leggerete qualsiasi tipo di critica, esaltazione e stroncamento di questo lavoro. La verità è che, chi ama Robbie Williams, non può perderselo perché contiene almeno 3-4 chicche imperdibili. Canzoni – come il primo singolo The Flood – che sono in effetti opere del vecchio furbetto inglese, con un apporto coristico ben costruito degli altri 4. Ma anche quando Jason, Mark,  Howard e Gary si fanno sentire, le cose non cambiano granché. Distanti dal quella disco da minorenni e da quelle melense canzonette di metà anni Novanta, i nostri non si sono certo dati all’indie impegnato. Ma propongono “un bel pop” di sano divertimento, come eravamo abituati a gustarci tra gli anni Ottanta e i Novanta. Con qualche mira alta: l’attacco di Pretty Things ricalca qualche bowieana memoria ben copiata, per esempio. Bravi. L’importante però è che Robbie continui a regalarci lavori anche da solista, vero Robbie?

da avere assolutamente: The Flood, Pretty Things, Kidz, Eight Letters
voto: 8

Annunci

2 commenti su “Take That “Progress”

  1. marco
    24/01/2011

    Comunque la partita è ancora aperta perchè Gary Barlow ha dichiarato che i Take That continuano ad essere un gruppo di quattro elementi lasciando intendere che la collaborazione col ritrovato Robbie potrebbe concludersi dopo l’album.

    Personalmente spero per loro che non sia così visto che sia i quattro Take That che il solo Robbie con il loro nuovo lavoro congiunto stanno avendo un successo che non assaporavano da tempo nelle loro versioni “divise”.

    E poi diciamolo: stanno proprio bene insieme 😀

    • luzbox
      26/01/2011

      Sì, questo è vero. Insieme stanno bene! Comunque, perlomeno in UK, anche il precedente CD dei Take That senza Robbie era andato parecchio bene. Lo zoccolo duro delle fans continua a non abbandonarli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 23/01/2011 da in Musica in viaggio con tag , , , , , , .

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 716 follower

Cookies e Privacy Policy

Il blog che si sta visitando utilizza cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. I tracciamenti sono gestiti da Wordpress.com che ospita il blog sulla propria piattaforma.

fai click qui per leggere l'informativa di Wordpress.com

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando nel sito acconsenti al loro uso. Fai clic su OK se è tutto chiaro.INFORMATIVAOK

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001