IO VIAGGIO DA SOLA

recensioni di viaggio, musica, libri, stile e vizi

PJ Harvey “Let England Shake”

Avevo i miei dubbi su questo CD. Mai stata una fan di PJ Harvey, nonostante l’apprezzamento per la sua lunga e fruttuosa carriera. Mai stata una fan, nonostante abbia ascoltato un bel po’ della sua musica e abbia sui miei scaffali polverosi parecchi dei suoi CD. Ma, lo ammetto, sono ancora un pochino anglofila e se un CD è dedicato alla Terra d’Albione, beh quanto meno devo dargli un’ascoltatina. E questo non è solo un CD. Let England Shake è stato registrato in una chiesa sconsacrata con una PJ Harvey quasi “magica”, che si fa fotografare avvolta da veli neri, e si tratta di in realtà dell’espressione di odio-amore verso la madrepatria. L’album è monotematico, con pezzi quasi tutti dedicati all’Inghilterra. E se “Goddamn Europeans! Take me back to beautiful England!” sembra una dichiarazione d’amore, il rapporto tra la Harvey e l’Inghilterra è poetico, politico, polemico, mistico, medievale (The Glorious Land si basa su una giga britannica… nel qual pezzo England diventa En-ger-land con la sua vecchia radice linguistica), epico, sporco e violento. Quindi, oltre alla fantastica musica che gira attorno a questo lavoro, c’è anche una profondissima ricerca linguistica e filologica. Espressione di una musicista che frantuma ogni confine, per portare la sua arte altrove. Ben oltre. Probabilmente è uno dei dischi più interessanti ascoltati negli ultimi anni per quanto mi riguarda. Mi ci vorrà ancora tempo per districarmi nelle citazioni, nelle scelte stilistiche e nella bellezza di quest’opera d’arte, così completa. La musica invece è, come dicevo, sospesa tra tradizione (anche millenaria), qualche sbruffonata “alla Kate Bush nella brughiera”, qualche solitudine in stile Nick Cave e una base di rock esclusivamente marchio di fabbrica PJ Harvey. Grandioso lavoro.

voto: 10

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 27/02/2011 da in Musica in viaggio con tag , , , , .

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 716 follower

Cookies e Privacy Policy

Il blog che si sta visitando utilizza cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. I tracciamenti sono gestiti da Wordpress.com che ospita il blog sulla propria piattaforma.

fai click qui per leggere l'informativa di Wordpress.com

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando nel sito acconsenti al loro uso. Fai clic su OK se è tutto chiaro.INFORMATIVAOK

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001