IO VIAGGIO DA SOLA

recensioni di viaggio, musica, libri, stile e vizi

R.E.M. “Collapse into Now”

Forse Michael Stipe non sarà contento del suo sorriso e del suo dentista (leggetevi la sua intervista nell’ultimo numero di Vanity Fair Italia, corredata da bellissime foto) ma resta probabilmente uno degli uomini più magnetici della musica moderna e ogni sua uscita con i R.E.M. rappresenta un evento musicale. Così anche questo nuovo CD Collapse Into Now sembra pronto a far storia. E non importa che la band americana suoni da trent’anni e che, in buona sostanza, abbia davvero dato tantissimo in termini musicali: così tanto da chiedersi se effettivamente possa ancora inventarsi qualcosa di nuovo e di fresco. Queste domande non vanno neanche poste, quando ci si ritrova per le orecchie un album come questo: una continua autocitazione, ma così di buon gusto e così paradossalmente originale da far gridare al miracolo. Dopo la mezza delusione di Accelerate – un CD un po’ scombinato che ambiva a ricreare le atmosfere rock della prima ora ma che non decollava mai per davvero – Collapse into Now rappresenta certamente la miglior prova dai tempi di Reveal e quindi dall’inizio degli anni Duemila. Quanto meno quella di sapore più “R.E.M.”. Il primo singolo, Überlin, è non solo orecchiabile ma inoltre mette subito sull’attenti i fans: questo è un gran bel disco! Collaborazioni di gran prestigio come quella di Patti Smith o quella di Peaches che richiama un po’ l’appoggio dei B52s degli anni Novanta in un pezzo molto molto anni Novanta come Alligator_Aviator_Autopilot_Antimatter. Oppure, ancora, una ballata in perfetto stile Stipe and friends come Every Day is Yours to Win che richiama tanto a Everybody Hurts. Con quel gioco di pause sulle frasi e sulle parole e quelle assonanze che piacciono tanto alla band. Un salto nel passato restando saldamente nel futuro: come solo i R.E.M. possono fare. God bless you, Michael Stipe. Tu e il tuo sorriso incerto!

voto: 10

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 26/03/2011 da in Musica in viaggio con tag , , .

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 716 follower

Cookies e Privacy Policy

Il blog che si sta visitando utilizza cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. I tracciamenti sono gestiti da Wordpress.com che ospita il blog sulla propria piattaforma.

fai click qui per leggere l'informativa di Wordpress.com

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando nel sito acconsenti al loro uso. Fai clic su OK se è tutto chiaro.INFORMATIVAOK

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001