IO VIAGGIO DA SOLA

recensioni di viaggio, musica, libri, stile e vizi

The Strokes “Angles”

Angles è il quarto CD della band americana nota come The Strokes, probabilmente la band più chiacchierata dei precedenti dieci anni di musica indie rock americana. Inconfondibile in ogni cosa: negli assoli di chitarra, nei look androgini e attraenti dei suoi componenti come Nick Valensi o Julian Casablancas, nell’essere riusciti a entrare nei cuori del jet set cinematografico americano: il batterista Fabrizio Moretti ha avuto una lunga liason con Drew Barrymore e, si sa, Casablancas è il figliolo del famoso agente di top model. Insomma, tra rock alternativo e una strizzata d’occhio alle riviste patinate, gli Strokes si sono da anni imposti come enfants prodige della musica “bene”.  Ma a un certo punto, nel 2006, la loro storia sembrava essere finita. Liti, incomprensioni sussurrate davano la band sull’orlo della crisi definitiva. E un CD in solitaria di Casablancas sembrava aver posto davvero la parola “fine” alla loro blasonata carriera fulminea. E questo nuovo CD arriva per certi versi in sordina: poche critiche, pochi articoli sui giornali, pochi lanci e niente aspettativa. E invece, finisce per essere probabilmente il miglior lavoro fatto dalla band. Completo, corretto, lucido come pochi altri lavori di band alternative, eccezion fatta per i Franz Ferdinand probabilmente. L’esperienza di Casablancas sul versante un pelo più elettronico del passato strokiano, aggiunge e non toglie nulla alla solita verve rock della band. Che adesso riesce a passare benissimo da un pezzo al limite del pesante campionamento come Games, a un pezzo tradizionalmente rock come Under Cover of Darkness, primo singolo estratto. Oppure che riesce finalmente a fondere benissimo le due anime rock e pop in un pezzo magistralmente riuscito come Machu Picchu. Per certi versi gli Strokes si avvicinano qui ai Killers migliori passando per la loro inequivocabile tradizione di sonorità rock, esprimendo una maturità che sfuggiva nei precedenti lavori. Meritano di non essere dimenticati.

voto: 8

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 03/04/2011 da in Musica in viaggio con tag , , , , , .

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 716 follower

Cookies e Privacy Policy

Il blog che si sta visitando utilizza cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. I tracciamenti sono gestiti da Wordpress.com che ospita il blog sulla propria piattaforma.

fai click qui per leggere l'informativa di Wordpress.com

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando nel sito acconsenti al loro uso. Fai clic su OK se è tutto chiaro.INFORMATIVAOK

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001