IO VIAGGIO DA SOLA

recensioni di viaggio, musica, libri, stile e vizi

The Killers “Battle Born”

Erano quattro anni che i Killers non pubblicavano un album di inediti. In mezzo c’è stata un’interessante esperienza da solista del vocalist Brandon Flowers ed è anche grazie al CD di Brandon che forse la band americana è arrivata a questo Battle Born. Flowers infatti aveva scelto di realizzare un album più tradizionale e meno “pop neo romantics” nella sua esperienza solista. Meno orpelli tecnologici e un ritorno alla tradizione americana anche con qualche nota country qui e là. Ed è seguendo l’esempio del leader della band che in questo CD i Killers ripropongono il loro stile ormai inconfondibile ma giocando meno alle imitazioni di David Bowie. Ed è un album maturo, magari non così immediato, quello che ci ritroviamo nelle orecchie. Meno pezzi che inseguono il successone radiofonico e più qualità. Ma si tratta pur sempre di una qualità molto pop, attenzione, quindi non aspettatevi cambi di rotta da parte della band.
Registrato nella “hometown” Las Vegas, il CD è davvero americano alla radice ed è ideale ad essere poi portato in concertoni di grande impatto (come magari succederà). Battle Born, il pezzo che dà il titolo all’album, è per esempio uno di quegli inni da cantare a squarciagola ai concerti, con riff di chitarra elettrica da band anni Ottanta. A volte, sembra quasi un CD degli Scorpions… Anni Ottanta ma ruspante e meno elettronico. Ma tranquilli, qualche pezzo “alla Killers prima maniera” c’è. L’intro di Miss Atomic Bomb è inconfondibile: non potrebbe essere di nessun altro. E così come ci sono anche gli anni Ottanta “più europei” con una classe quasi snob, come per esempio in Deadlines and Commitments. E poi le ballate, quello che mancava nei precedenti lavori della band e che Brandon Flowers aveva portato nel suo lavoro di solista. Un paio di pezzi su tutti: Here with Me e Be Still. Due canzoni da colonna sonora romantica. Forse non sarà l’album dell’anno e magari neppure quello migliore della carriera della band ma è certamente un lavoro completo e molto molto piacevole.

voto: 8

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 716 follower

Cookies e Privacy Policy

Il blog che si sta visitando utilizza cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. I tracciamenti sono gestiti da Wordpress.com che ospita il blog sulla propria piattaforma.

fai click qui per leggere l'informativa di Wordpress.com

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando nel sito acconsenti al loro uso. Fai clic su OK se è tutto chiaro.INFORMATIVAOK

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001