IO VIAGGIO DA SOLA

recensioni di viaggio, musica, libri, stile e vizi

5 cose da fare a Londra SE la conoscete già troppo bene

houses

Il Natale si avvicina e con le Feste qualcuno penserà di passare un weekend in una città europea. Come al solito – in qualsiasi stagione – Londra è una delle mete preferite dai turisti italiani.
Ma cosa potete fare a Londra in due giorni se ci siete già stati un sacco di volte e tutte le mete più scontate (Big Ben, Piccadilly Circus, National Gallery, Portobello…) le avete già fatte?

Ecco una brevissima guida di 5 cose da fare a Londra se già la conoscete fin troppo bene:

1. Visitare il nuovo The Shard. Il grattacielo ad opera del nostrano archistar Renzo Piano è stato completato l’anno scorso. A meno che non siate habitué londinesi, difficile che siate riusciti a vederlo. Quindi, resta una delle mete più “originali” e nuove. Si trova vicinissimo al Ponte di Londra (fermata London Bridge). Ospita negozi, un ristorante, un hotel e una fantastica terrazza con vista panoramica. Potete prenotare la visita direttamente da casa, scegliendo la vista diurna o notturna. Il sito è The View from The Shard

2. Dimenticate Portobello e visitate il mercato di Spitalfields. Al sabato, in contemporanea con Portobello Market, il quartiere accanto alla stazione di Liverpool Street si anima con il mercato di Spitalfields (che è aperto in realtà ogni giorno). Il mercato – che è riduttivo chiamare “mercato” – è in realtà un intero quartiere che tra Liverpool Street e Brick Lane unisce mercati al coperto, negozi di tendenza, tendoni che ospitano artisti della cucina etnica, bancarelle di abiti di seconda mano firmati dai più grandi stilisti mondiali e dagli emergenti.
Ogni settimana un sacco di proposte molto particolari ed eventi che potete scoprire. In assoluto il mercato più di tendenza, dove realmente troverete cose che nessun altro avrà. Ancora poco battuto dalle folle oceaniche di turisti italiani, approfittatene per farci un giro. Scendete a Liverpool Street e il mercato inizia a 150m dalla stazione. Il sito è qui

3. Dimenticate la National Gallery (e anche la Tate) e fiondatevi alla Saatchi Gallery: se amate l’arte contemporanea e inseguite sempre le mostre più originali, le installazioni che stupiscono, allora la Saatchi Gallery fa per voi. Innanzitutto perché è visitabile gratuitamente e poi perché ospita le iniziative artistiche più di tendenza della città. Si trova a pochi passi dalla stazione della metro di Sloane Square, nel cuore del quartiere elegante di Chelsea. Immancabile e anch’essa ancora poco visitata dai turisti italiani. Il sito della Saatchi Gallery è qui

4. Evitate la ressa di Oxford Street. Lo shopping fatelo a Westfield. In occasione delle Olimpiadi del 2012, Londra e altre località inglesi hanno dedicato un ampio spazio a nuovi centri commerciali della catena Westfield. Quello più comodo a Londra è quello di Shepherd Bush, giusto accanto alla stazione della metro. Anziché spendere tutte le vostre forze in una sessione di shopping in Oxford Street (magari al freddo e in mezzo alla folla), optate per uno di questi centri. Ospitano gli stessi brand (e molti di più!), a volte hanno prezzi più contenuti e vi permettono anche pause “gourmet” in corner che offrono la cucina “low cost” di Gordon Ramsay o Jamie Oliver.
Il sito di Westfield è visitabile qui, per vedere tutti i brand ospitati dai centri commerciali.

5. Hyde Park? No, grazie. Dirigetevi verso Holland Park e Kew Gardens. Gli spazi verdi, come tutti sanno, sono tra gli highlights più importanti di Londra. Ma tutti i turisti prediligono Hyde Park e Kensington Gardens, dimenticando spazi verdi che invece meriterebbero più attenzione. Tra questi ultimi, certamente Holland Park (fermata Holland Park oppure High St. Kensington), 54 acri di verde, passeggiate, campi sportivi, con una splendida sala da thè, un gioco degli scacchi gigante e un mitico giardino giapponese nato dalla collaborazione con la città di Kyoto. Qualche info in più qui
Kew Gardens invece, seppur un pochino lontano dal centro, dovrebbe sempre rappresentare una meta fondamentale per chi ama gli spazi verdi. E’ infatti il giardino botanico più grande del mondo. Sebbene la visita ideale a Kew Gardens dovrebbe compiersi in primavera, con le fioriture dei meravigliosi campi seminati, la visita invernale nasconde meraviglie inaspettate. Le serre per esempio rendono sempre un’ottima visita, con piante tropicali e giganti alberi rari, così come i roseti delle serre dedicate a tutte le varietà di questo fiore. Per arrivare a Kew Gardens, basta prendere la linea District (verde) in direzione Richmond. Il sito del giardino botanico è qui 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 716 follower

Cookies e Privacy Policy

Il blog che si sta visitando utilizza cookies, anche di terze parti, per tracciare alcune preferenze dei visitatori e per migliorare la visualizzazione. I tracciamenti sono gestiti da Wordpress.com che ospita il blog sulla propria piattaforma.

fai click qui per leggere l'informativa di Wordpress.com

Il presente blog utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Navigando nel sito acconsenti al loro uso. Fai clic su OK se è tutto chiaro.INFORMATIVAOK

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001